G. ROSSI, Tornerei a piedi a Firenze. La Viola di ora...

di Redazione FV
Fonte: Lady Radio
articolo letto 6765 volte
Foto

Giuseppe Rossi, ex attaccante della Fiorentina, ha parlato quest'oggi soffermandosi sul suo momento e sul suo passato in maglia viola. Ecco le sue parole: "Mi tengo sempre in forma allenandomi ed aspettando che arrivi la chiamata giusta per tornare a giocare. La verità è che mi sento molto bene, mi sto allenando da 4-5 mesi con i Red Bull ed è normale che mi trovi bene con loro, visto che sono in pieno campionato. La Fiorentina in crisi? Tutti passano dei momenti non belli, sia a livello personale che collettivo. Per gli attaccanti è dura non vedere la palla entrare ma un attaccante deve continuare a lavorare per la squadra, non deve focalizzarsi su se stesso o sul gol. Più si cerca il gol, più si sbatte sul momento negativo. A livello di testa, si deve lasciare andare la negatività: la Fiorentina deve continuare a lavorare, poi per gli attaccanti il momento giusto arriverà. Quando le cose vanno male è facile puntare il dito, dire "no ci penso io a fare tutto" ma la cosa importante è fare gruppo nei momenti difficile e credere negli obiettivi ad inizio anno. La vittoria a Sassuolo nel 2013 con il mio gol? Mi ricordo bene quella partita, la sbloccai grazie ad un triangolo con Pizarro. Quella era una squadra fortissima, c'erano giocatori con grande qualità: Pizarro era uno dei giocatori con cui mi sono divertito più in campo. La Viola attuale così giovane? La Fiorentina mi diverte molto, lo scorso anno ci abbiamo giocato contro e avremo toccato la palla appena 10 volte in 90': essendo giovani momenti come quelli di adesso possono accadere ma la squadra può solo crescere. Pioli è un allenatore per bene, che capisce di calcio e che è un grande come persona. Se mi piacerebbe tornare a Firenze? Ci verrei a piedi... mi sono trovato benissimo in quei tre anni alla Fiorentina. Sono già 2-3 anni che non sono là ma seguo la squadra e soffro le domeniche quando la Fiorentina perde. Do solo il mio contributo su Twitter. Firenze e la Fiorentina sono nel mio cuore. Adesso penso solo a ritrovare la felicità per giocare bene, lotto e continuo ad allenarmi. Io a Firenze da turista? Vorrei portarci la famiglia dopo le feste. Chiesa? Federico sta crescendo tanto, dal primo giorno che l'ho visto ha capito i ritmi della Serie A, è uno che porta tanta qualità in campo e lotta come un dannato su ogni pallone: ha lo spirito giusto per arrivare a livelli top".


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy