SEZIONI NOTIZIE

OCTAVIO A FV, PEDRO AVRÀ LA 9 DEL BRASILE. JUVE? COI TIFOSI...

di Andrea Giannattasio
Vedi letture
Foto

Pedro vede la Juventus sempre più da vicino. Il brasiliano, che ieri si è ufficialmente presentato ai suoi nuovi tifosi, sta facendo progressi sotto l’aspetto fisico e per la gara contro i bianconeri ha ottime chance di essere convocato per assistere almeno dall’inizio alla partita dalla panchina. Un primo passo importante per il centravanti, che Firenzeviola.it si è fatta descrivere attraverso la voce di un altro brasiliano ed ex viola molto fresco ovvero Octavio, meteora gigliata nella stagione 2014/15 che dopo alcune esperienze in Europa adesso è tornato in Brasile, dove di recente è stato in forza nel Perilima, squadra che milita nel campionato di Serie A dello stato brasiliano di Paraíba.

Octavio, cosa ci può dire del trasferimento di Pedro alla Fiorentina?
“Non conosco personalmente Pedro ma ho visto un sacco di partite del Fluminense perché ho seguito con attenzione il mio amico Gilberto: il nuovo attaccante viola è davvero un gran centravanti, che in questo momento ricopre una posizione che il Brasile stesso sta cercando per la sua Nazionale. Penso che la Fiorentina rappresenti uno step importante nella carriera di Pedro. Con un acquisto del genere i viola si sono proiettati tra i club più importanti d’Europa”.

Cosa si dice di Pedro in Brasile?
“Senza ombra di dubbio Pedro è visto come il predestinato detentore della maglia numero 9 della Seleção. Bisogna solo scommettere su di lui e dargli spazio affinché possa esplodere”.

Cosa può rappresentare Pedro per il futuro dei viola?
“La Fiorentina quest’anno sta costruendo una squadra molto forte. La sto seguendo da lontano e ho visto che finalmente sono tornati a vestire la maglia viola nomi molto importanti. Tutto ciò potrà aiutare Pedro a crescere e a confrontarsi presto anche con un palcoscenico internazionale. Sono convinto che possa diventare uno degli attaccanti più forti della squadra e tutto ciò gli spalancherà le porte della Nazionale brasiliana”.

Sabato andrà in scena Fiorentina-Juventus, una sfida che anche lei nella sua parentesi italiana ha vissuto da vicino…
“È una grande partita: sia i viola che i bianconeri sono due grandi squadre e ci sarà di certo un condensato di emozioni. Ricordo ancora il match che vidi al Franchi (gara finita 0-0 il 5 dicembre 2014, ndr): anche se purtroppo non scesi in campo, ero in tribuna in mezzo ai tifosi e ho vissuto a pieno quel match. Se i viola faranno gruppo grazie a Montella e ci sarà un tifo incessante, la Fiorentina potrà uscire dal campo con un risultato positivo, magari anche con una vittoria: niente è impossibile”.